giovedì 27 luglio 2017

Racconto descrittivo: Margno (LC), Piano delle Betulle, 22/07/2017


Cari lettori, bentornati!
Lunedì 25/07 sono tornata a casa, ho trascorso dieci giorni a Margno, un paesino montano (700 m sul livello del mare) in provincia di Lecco.
Spesso ho raggiunto il Piano delle Betulle (1500 m s.l.d.m.) in funivia: sono stata immersa nella natura ed ho goduto dell'aria di montagna. Finalmente, dopo un anno di sedentarietà a causa dello studio, ho potuto percepire la soddisfazione di raggiungere la cima dopo tanta fatica.

Oggi vi propongo un mio scritto. Ho descritto un momento da me vissuto al Piano delle Betulle: raggiunto un versante della montagna caratterizzato da lastroni di roccia rosata contornati da ericacee, dal quale si vedeva la Grigna avvolta nella foschia, mi sono seduta e dedicata alle sensazioni che quel luogo mi trasmetteva.

Spero che attraverso le mie parole, possiate vivere anche voi dei momenti positivi!
Margno (LC), Piano delle Betulle, 22/07/2017

Sono seduta su lastre di roccia rosata ricoperta da licheno d'un verde acceso; del muschi, ormai vecchio, copre fenditure e solchi dove un tempo s'accumulava acqua sorgiva proveniente dall'alto o dal profondo.

Il cielo è nuvolo: il sole compare all'improvviso, riscaldandomi, veloce se ne va poco dopo.
L'aria frizzantina smuove le erbe, trasportando lontano il frinire dei grilli.
Tra loro forse vi è qualche cicala.

Al suolo, una formica rossa trasporta un moscerino morto con le ali dispiegate; poco distante, tra alcune spighe, vedo un grillo d'un colore paglierino, pare seccato dal sole.

Il piccolo insetto muove le zampe posteriori, unendosi al coro dei suoi compagni.

Alcune volte i grilli divengono muti, tutt'intorno cala il silenzio; l'aria attraversa le chiome delle giovani betulle, un fruscio persistente che non vuole cessare.

Mi volto, vacche in lontananza esplorano i pascoli alle alte altitudini; il suono dei campanacci giunge fino a qui.

Bombi ed api popolano i cespugli di erica rosa e bianca, ghiotti del nettare svuotano i piccoli fiori a campana: calici per brindare a tutto questo.


Il terreno è gonfiato da rivoli d'acqua che camminano tra le pietre colorate; immagino di posare i piedi nudi sul muschio presso le pozze: la pressione fa sgorgare il fluido sorgivo, le dita si inumidiscono.

In basso vi è la valle e di fronte altre montagne; la foschia non mi permette di vedere il lago a nord.

Non mi importa di andare oltre con lo sguardo, mi basta stare in questa toppa di mondo: essere per un attimo roccia, sferzata dal vento, immersa tra brughiere ed acquitrini.
Spero vi abbia fatto piacere leggere questo racconto descrittivo, vi sono piaciute le fotografie?
Voi dove siete andati o dove andrete in vacanza?

Ci "leggiamo" lunedì prossimo!

Un bacio,
Erica.


4 commenti:

  1. Cara Erica, adoro camminare per sentieri boschivi, di campagna o montagna, e leggere la tua descrizione mi ha fatto ritornare a quei bellissimi momenti, che ultimamente non ho avuto modo di avere. Spero che ti sia riposata in questi giorni e in paesaggi tanto ameni.
    Io sono stata nominata al Liebster Award e visto che una regola del premio è quella di nominare altri blog, ho subito pensato al tuo! Se ti interessa puoi venire qui https://alberidalibro.blogspot.it/2017/08/liebster-award-2017.html
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che la mia descrizone abbia colmato (almeno un pochino) la tua nostalgia per la montagna! Mi sono riposata molto, grazie del pensiero :D
      Sono felicissima della nomina, ti ringrazio per aver pensato a me ed al mio blog. Partecipo molto volentieri!

      Elimina
    2. Ciao Erica, grazie mille per questo post con il quale mi hai permesso di vivere un po' del tuo paradiso. Io amo la montagna, ma purtroppo non ci vado quasi mai. Vado molto più spesso a mare (abito in Sicilia). Ho la fortuna di trascorrere l'estate in una località con spiagge meravigliose (Marina di Ragusa), ma continuo a preferire la montagna e la sua pace. Spero di poter presto fare una passeggiata come la tua😊 Buona giornata😊

      Elimina
    3. Sono felice che questo racconto descrittivo ti sia piaciuto.
      Io amo la montagna ma, crescendo, ho imparato ad apprezzare anche il mare. In Sicilia non ci sono mai stata, io ed il mio ragazzo pensiamo di visitarla l'anno prossimo; se non ti dispiace, ti terrò in considerazione per qualche consiglio sulle mete più belle ;)

      Elimina

Firefly Pointer